Home > Puntata minima poker

Puntata minima poker

Puntata minima poker

Il pulsante del mazziere viene assegnato ad una posizione casuale quando ha inizio la prima mano. Il bottone del dealer si sposta in senso orario da giocatore a giocatore dopo aver completato ogni mano. Prima che il gioco inizi, i due giocatori alla sinistra del dealer puntano obbligatoriamente i bui, prima che di tutti i giocatori vedano le carte. Questa fase è nota come 'postare i bui'.

I bui assicurano che ci siano soldi nel piatto per cominciare a giocare. Il giocatore alla sinistra del dealer piazza il piccolo buio. Il secondo giocatore alla sinistra del dealer posta il grande buio, cioè un importo pari al doppio dell'importo del piccolo buio. Nel cash game, se un giocatore non ha abbastanza soldi per postare il grande buio, sarà automaticamente in OUT. Se ci sono solo due giocatori in gioco e i bui devono ancora essere postati, il dealer posterà il piccolo buio.

L'ante è una puntata forzata che tutti i giocatori posteranno nel piatto in quantità uguale prima che la mano cominci. Questo ante, differente dai bui, non conta nel primo giro di puntate, ma è considerata una parte del piatto. Ogni giocatore che partecipa ad una mano su un tavolo ante, dovrà pagarla all'inizio di quella mano. L'Ante aumenterà la quantità di denaro nel piatto all'inizio di una mano.

L'Ante viene applicata solo dove prevista. Nella legenda del client i tavoli con Ante sono contraddistinti dalla lettera A. L'ante non influenza l'esito del gioco. Ogni giocatore riceve due carte coperte che solo lui vede. Il giocatore alla sinistra del big blind inizia il giro di scommesse. Se, invece, un avversario ha rilanciato prima, egli ha tre opzioni rimanenti: Quando tutte le puntate sono uguali, il gioco passa alla fase successiva flop. Quando è completo il giro di puntate pre-flop, vengono distribuite tre carte scoperte sul tavolo.

Questa fase è nota come 'flop'. Nell'Hold'em, le tre carte del flop sono carte in comune e sono disponibili a tutti i giocatori che rimangono in gioco. Le puntate sul flop iniziano con il giocatore attivo alla sinistra del dealer. Le opzioni a disposizione sono simili a quelle pre-flop. Quando è completo il giro di puntate al flop, un'altra carta viene distribuita scoperta sul tavolo 'turn'. Il turn è la quarta carta comune nell'Hold'em a volte indicato come 'fourth street'. Comincia un altro giro di puntate, a partire dal primo giocatore attivo alla sinistra del dealer. Le opzioni disponibili sono simili a quelle pre-flop.

Tuttavia, se nessuno ha puntato in precedenza, i giocatori possono scegliere di checkare, passando l'azione al giocatore attivo successivo in senso orario. Quando è completo il giro di puntate al Turn, un'altra carta viene distribuita scoperta sul tavolo il 'River' o 'Fifth Street'. Il River è la quinta carta comune e finale in un gioco Hold'em. Le puntate ricominciano dal primo giocatore attivo alla sinistra del dealer e si applicano le stesse regole di puntata come per il flop e il turn, come spiegato sopra. L'ultimo giocatore a puntare o rilanciare durante la fase finale di puntate mostra le sue carte per primo. Se, durante l'ultimo giro di puntate, nessun giocatore punta, il primo giocatore alla sinistra del dealer, che non ha passato, deve scoprire le sue carte per primo.

Gli altri giocatori, in senso orario, devono rivelare le proprie carte al tavolo. Se la mano del giocatore è più debole della mano attualmente vincente mostrata, egli ha la possibilità di mostrare o nascondere le proprie carte. In caso di mani identiche, il piatto viene equamente diviso tra i giocatori con le mani migliori. Le chips sono i gettoni che vengono utilizzati nei tavoli da gioco per effettuare le puntate. Nei tornei tutti i partecipanti iniziano con la stessa quantità di chips e quando un giocatore perde tutte le sue chips viene eliminato.

Il giocatore che vince il torneo si impossessa delle chips di tutti gli altri partecipanti. Nel cosiddetto cash game partita libera , le chips si acquistano alla cassa prima di giocare. Durante la partita i giocatori possono acquistare altre chips, ma solo fra una mano e l'altra: A fine partita le chips accumulate si cambiano di nuovo in denaro. Ai tavoli di Poker possono sedere da 2 a 10 giocatori. Sui tavoli di PokerYES il bottone con la D dealer indica il mazziere di turno mentre il numero massimo di giocatori al tavolo è fissato a 9. L'importo si riferisce sia alla puntata iniziale sia ai rilanci successivi: Il numero massimo di rilanci e contro-rilanci per giro è prefissato e in genere corrisponde alla puntata iniziale più tre rilanci successivi.

Il valore del piatto corrispondente al limite del rilancio è calcolato come la somma di: Se non vi sono altre puntate allora la puntata minima è pari all'entità del Grande Buio. È la modalità più diffusa, soprattutto nei tornei. No Limit vuol proprio dire che non ci sono limiti: Nei giochi no limit la puntata minima per ciascuna tornata corrisponde all'importo del Grande Buio, mentre il rilancio minimo è pari al rilancio più alto già effettuato nel giro di puntate in corso. Si gioca con un mazzo di carte francesi comprendenti carte dall'asso al re per ognuno dei quattro colori quadri, picche, fiori, cuori e senza i jolly. La carta più bassa inclusa nel mazzo è determinata dalla formula 11 - numero di giocatori.

Generalmente una partita è giocata da quattro o cinque persone; partite con tre o sei giocatori sono meno frequenti e generalmente meno apprezzate. Si noti che nel poker americano il colore vale meno del full: Esso inoltre non prevede né la regola secondo la quale la scala reale minima prevale sulla massima, né la regola che prevede una graduatoria tra i quattro semi: Secondo le regole del poker europeo, al contrario, non esistono mani di pari valore: Prima che le carte vengano servite il mazziere versa una somma nel piatto: A questo punto il mazziere mischia il mazzo di carte che verrà tagliato dal giocatore alla sua destra e distribuisce, in senso orario, cinque carte una alla volta per ognuno dei partecipanti.

Se anche in questo colpo nessuno dei giocatori apre , la procedura si ripete, e da questo colpo in avanti l'apertura minima sale a due K cosiddetta "apertura ai K e assi" , fino a che il piatto non venga assegnato: Se invece è stato un altro giocatore a vincere il colpo, ed è impossibilitato a convalidare l'apertura - perché sprovvisto della combinazione minima necessaria, o perché in sede di apertura aveva 'passato' - tale giocatore si aggiudica la vincita, ma l'apertore dovrà rifondere il piatto iniziale. Il giocatore che decide di aprire mette nel piatto un importo non superiore al piatto stesso. In caso di apertura con puntata minima l'importo è preconvenuto dai giocatori: In caso di puntata equivalente al piatto, l'apertore dichiara "piatto" o semplicemente "apro".

Avvenuta l'apertura, i giocatori seguenti possono decidere - uno alla volta, in senso orario, rispettando l'ordine di gioco - di passare abbandonare il colpo , di vedere adeguarsi alla puntata dell'apertore o di rilanciare depositare nel piatto una somma superiore alla giocata dell'apertore. Nell'eventualità che un giocatore abbia effettuato il rilancio, tutti i partecipanti ancora in gioco dovranno decidere se adeguarsi integrando la giocata rispetto a quanto precedentemente puntato, contro-rilanciare a loro volta, oppure abbandonare la mano. Solo quando tutti i giocatori avranno visto o passato si potrà passare alla fase del cambio di carte, detta accomodo: Se dopo questa fase resta in gioco un solo partecipante, questi vince il piatto; in caso contrario si passa alla fase di accomodo.

È possibile anche aprire senza possedere una coppia vestita o un punto superiore: Gli altri giocatori hanno invece diritto a vedere le proprie carte e, dopo averne preso visione, potranno decidere se vedere o passare, senza possibilità di rilancio: Dopo il cambio delle carte il buiante ha diritto a parlare per ultimo: In questo caso si approprierà dei vantaggi che sarebbero spettati al buiante; tuttavia, se il buiante decide di adeguarsi al controbuio versando subito la differenza, prima di ricevere le carte conserva il diritto al rilancio sull'apertura alla pari del controbuiante. Dato che nel poker tradizionale il mazziere non deve mai parlare per primo, per l'apertura al buio sono necessari almeno tre giocatori, per il controbuio quattro e per il contro-controbuio nei tavoli ove è ammesso cinque.

Nel momento in cui un giocatore decida di cambiare più di tre carte il mazziere è obbligato a dargliene soltanto tre e a servirlo dopo aver chiuso il giro del cambio delle carte dei restanti giocatori.

Poker tradizionale - Wikipedia

Sebbene il poker sia in realtà un insieme di specialità e varianti, esse sono tutte accomunate . rilanciare (raise): il giocatore fa una puntata maggiore delle precedenti. Il primo rilancio deve ammontare ad almeno due volte la puntata minima. piatto non viene assegnato: dopodiché l'apertura minima tornerà ad essere intende adeguarsi alla puntata) la puntata o a loro volta effettuare dei rilanci (che . Il poker tradizionale, detto anche 5-card draw, è la più classica delle specialità di poker e in . In caso di apertura con puntata minima (l'importo è preconvenuto dai giocatori: talvolta è pari all'invito, talaltra è del tutto nominale) l'apertore. Prima di cominciare a giocare su People's Poker, impara le Regole di Base e i La puntata minima in ogni giro nel Pot Limit Hold'em dipende dal big blind. Ciascun gioco di poker, che si tratti di Texas Hold'em, Omaha o 7 Card Stud, è caratterizzato dall'importo che può essere puntato in ciascun giro di puntate. Regole generali del poker su carte, chips, tavolo, puntate, fixed limit, pot limit, no limit, Se non vi sono altre puntate allora la puntata minima è pari all'entità del. La quota minima per iscriversi ai tornei di giochi-hot.fallintovision.com è di €0, Inoltre, nei tavoli di poker ad alta velocità, è richiesto un auto-puntata (auto-posting) di "bui" .

Toplists