Home > Casino delle muse orazio gentileschi

Casino delle muse orazio gentileschi

Casino delle muse orazio gentileschi

Un primo con il cosiddetto casino dell' Aurora; un secondo con la grande fontana del Teatro e una loggia detta delle Muse, affrescata da Agostino Tassi; una terza con un altro casino, distrutto per l' apertura della via Nazionale, e i cui affreschi di Ludovico Cardi sono ora al Museo di Roma a palazzo Braschi. Le costruzioni sono appena ultimate e la villa è venduta nel a Giovanni Angelo Altemps, che tre anni dopo la cede alla famiglia Bentivoglio. Questa prosegue i lavori nelle decorazioni, finché la proprietà passa ai Lante e nel al cardinale Giulio Mazzarino, che vi risiede prima di trasferirsi a Parigi.

Gli eredi sono i Mancini, parenti del cardinale, ma nel l' acquistano i principi Pallavicini Rospigliosi che l' ampliano con edifici e una scuderia. Subito si impone nel grande cortile il Casino dell' Aurora, che prende nome dall' Aurora di Guido Reni affrescata nell' ambiente centrale. Menu di navigazione Strumenti personali Accesso non effettuato discussioni contributi registrati entra. Namespace Voce Discussione. Visite Leggi Modifica Modifica wikitesto Cronologia. In altri progetti Wikimedia Commons.

Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta l'8 nov alle Questo file contiene informazioni aggiuntive, probabilmente aggiunte dalla fotocamera o dallo scanner usati per crearlo o digitalizzarlo. Se il file è stato modificato, alcuni dettagli potrebbero non corrispondere alla realtà. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. File Cronologia del file Pagine che usano questo file Utilizzo globale del file Metadati Non sono disponibili versioni a risoluzione più elevata. Dettagli Descrizione Particolare Casino delle Muse. Giovanni a carattere storico. Dalla loggia si accede ad una piccola corte la quale immette, mediante la duplice rampa concepita dal Vasanzio e conosciuta come "Scala della Pastorella", ad un giardino sopraelevato dove è situato il "Casino dell'Aurora" nella foto 4 , una bassa costruzione con una piccola loggia costituita da tre ambienti e decorata esternamente con frammenti marmorei romani del II e III secolo d.

Non è da escludere l'ipotesi che la costruzione del terrapieno sul quale è situato il giardino sia stato realizzato con l'enorme quantità di materiali accumulati con la demolizione delle Terme di Costantino. Sulla volta dell'ambiente centrale vi è l'affresco che dà il nome al Casino, l'Aurora nella foto 5 , eseguito da Guido Reni tra il ed il , raffigurante Apollo, circondato dalle Ore, che procede sul carro del Sole tirato da quattro cavalli pezzati e preceduto da Aurora che, librandosi nell'aria, sparge fiori.

Ma quest'affresco non è il solo gioiello del Casino: La sala è adorna anche di busti marmorei seicenteschi raffiguranti imperatori romani e sculture di epoca romana, fra cui le celebri "Artemide Cacciatrice" e la cosiddetta "Athena Rospigliosi", un'opera di Timotheos del IV secolo. I due ambienti laterali, più piccoli, presentano le volte affrescate con "Rinaldo e Armida" quello a sinistra di Giovanni Baglione e "Il combattimento di Armida" quello a destra di Domenico Cresti. Al secondo livello del giardino vi è un grande ninfeo, di forma semicircolare, conosciuto come "il Teatro" nella foto 6: La zona centrale presenta una grande nicchia sul cui prospetto sporgono quattro pilastri a bugne e due colonne di marmo grigio, sopra i quali corre una trabeazione che prosegue ai lati con andamento curvilineo e delimita tutto il ninfeo.

La nicchia è conclusa in alto con un'elegante modanatura che si raccorda alla trabeazione tramite due volute. Dentro la nicchia è situata una vasca con mascherone, dalla bocca del quale fuoriesce l'acqua che si raccoglie in un'altra vasca intermedia, per poi discendere per una scogliera nel grande bacino ellittico. Sul mascherone vi sono due grandi vasi ed una palla sulla quale si trova una losanga, motivo araldico dei Rospigliosi. Ai lati del nicchione centrale vi sono altre due nicchie, all'interno delle quali sono distese due grandi statue fluviali che simboleggiano il Tevere a destra ed il Po a sinistra.

Villa Pallavicini - giochi-hot.fallintovision.com

le Muse«). Was painted by. Gentileschi, Orazio Noch am Ort, im Casino delle Muse, heute Palast Pallavicini- Rospigliosi genannt. Restauriert im Jahr la "Loggia delle Muse", ossia quel Casino ornato dagli affreschi del Concerto di Orazio Gentileschi ed Agostino Tassi; sulla terza terrazza il Casino affrescato. Casino dell'Aurora-Palazzo Pallavicini Rospigliosi da preziose decorazioni sono ancora intatti, quello delle Muse che presenta affreschi di Orazio Gentileschi. Il colle del Quirinale, il Palazzo Pallavicini Rospigliosi e il Casino dell'Aurora di . Casino delle Muse - Orazio Gentileschi ed Agostino Tassi. File:Particolare Casino delle giochi-hot.fallintovision.com Italiano: Fotografia di una parte della volta affrescata da Orazio Gentileschi e Agostino Tassi nel Casino delle Muse. Così a Paul Brill fu richiesto un finto pergolato abitato da uccelli, mentre Agostino Tassi e Orazio Gentileschi animavano il Casino delle Muse con figure. Durante il periodo romano, intervallato da alcuni brevi soggiorni nelle Marche e forse a Firenze, Orazio realizzò la volta del Casino delle Muse.

Toplists